The best way to go for you to know the credible Michigan Loans Online providers.
Cialis Online No Prescription

infanzia Archive

2

Bambine a Buenos Aires, di Valentina Timpani

Explendidas-Spa-ninas-Argentina Da tre anni Valentina vive a Buenos Aires, dove lavora come insegnante in una scuola elementare, con bambini di origine italiana. Non solo, fa moltissime altre cose e pian piano vorremmo lasciarne testimonianza anche qui sul nostro sito. Per continuare a ragionare sugli stereotipi di genere, da altre coordinate geografiche. Per continuare a parlare di infanzia, dei tanti modi in cui si può crescere. Anche noi.

 ESTETICHE     SPA/PAS (Z)

“Nei quartieri ricchi della Gran Bs As può succedere che se fai la maestra, una bambina tanto carina ti dica che domani è il suo compleanno e dovrebbe distribuire gli inviti della sua festa ma solo alle sue compagne, e allora tu le dici sì, ma prima, quasi in automatico, leggi dove si svolgerà la festa. La bimba è figlia di una tua collega, di una maestra, che però vive in un quartiere più povero, a Olivos viene solo a lavorare. Appuntamento alla SPA tal dei tali di Olivos. Ora, io non sapevo prima di venire a vivere a Olivos, che una SPA è una specie di paradiso del benessere, la parola credo che già al tempo dell’antica Roma si riferisse a una città del nord Europa dove gli aristocratici facevano bagni termali e ritrovavano nella cura del corpo la Dottrina Magna o qualcosa di supremo, avranno saputo loro che, io non sto qui a fare ricostruzioni storiche, men che meno sulle origini delle spa e la diffusione a livello mondiale perché non ho studiato abbastanza. Bene, di fatto in una pubblicità delle SPA di oggi si può vedere oltre che una signorina, una bambina bionda, con bigodini anacronistici, cremine e unghie caleidoscopiche, visibilimente felice e fresca, te ne accorgi per il sorriso, il bianco dell’accappatoio e i petali di gelsomino attorno, tutto illuminato da candele.

Che fanno le mie alunne di sette anni il giorno del compleanno? Afflosciano le membra, inviscidiscono la pelle, si scambiano pantofole rosa o gialle, si lasciano allungare le ciglia e disegnare firmamenti splendenti sulle labbra, dimenticano la stanchezza e lo stress quotidiano, si sentono come la mamma, la zia, la figlia grande di papà.

Chi, tra me e le mie amiche, non ha giocato di nascosto, da piccola, al cambio di ruoli provandosi i tacchi della mamma e passandosi il rossetto rosa gelatina alla fragola della cugina adolescente? 

La mamma e il papà hanno ancora una volta affidato ai migliori specialisti il compito di far dei propri figli delle persone migliori, facendoli divertire e accudendoli indirettamente, al passo coi tempi. Io alla ricreazione a volte devo far finta di essere in una SPA, che mi si avvicinano tutte in cerchio e poi si organizzano in una fila per far rilassare la maestra, accarezzandole viso e capelli. A mensa chiacchiero con Mora, che mi si siede sempre vicino, e tra le urla di duecento affamati di otto anni, mi dice che andrà a Miami con la famiglia quest’anno, perché la mamma ha mandato le sue foto e quelle di suo fratello a un’importante rivista di moda, e siccome son stati presi come modelli, si son guadagnati la vacanza.

Nella classe che mi avevano dato l’anno scorso per i compleanni giocavano tutti insieme, maschi e femmine. Andavano in un posto che si chiama LASER GAME dove, mi hanno spiegato, in uno spazio completamente buio, ognuno con la sua pistola che spara una luce laser appunto, deve uccidere un suo compagno di classe, che tanto, come mi ha detto il nanetto Ivo sgranando gli occhi azzurri di fronte al mio disappunto: prima o poi tutti dobbiamo morire.”

4

L’infanzia rubata

Pubblichiamo oggi, dopo esserci consultate con Linda che l’ha scritta, questa lettera comparsa sabato 23 ottobre 2010 su D-Repubblica, perché ci è parsa particolarmente attinente ai temi che più ci premono, visto che siamo convinte che il sistema in cui ci troviamo incastrati e contro cui stiamo tentando di far sentire le nostre voci cominci a infliggere i suoi assalti molto molto presto,  rendendo le persone talmente assuefatte alla sua violenza subdola da non riuscire più nemmeno a percepirla.

Della fretta che abbiamo di far crescere i nostri figli, le nostre figlie in particolare, cooptate da messaggi pubblicitari perennemente inisinuanti ed erotizzati che mercificano i corpi femminili fin da età precocissime ha scritto, sul nostro sito, anche Valérie Donati.

Per quanto mi riguarda, mi capita di pensare al furto dell’infanzia che la nostra società ormai perpetra in un clima di quasi totale apatia, ogni volta che vedo un cartone animato di quelli main stream, di quelli che riempiono le sale cinematografiche e riescono a meritarsi il plauso anche di critici apparentemente selettivi e quotati: ci sento comunque un eccessivo ammiccamento agli adulti, battute allusive, personaggi dalle personalità perennemente irrisolte che veicolano valori troppo ambigui per l’età di chi guarda, come se dovessimo da subito abituarci a un relativismo esasperato, a un pensiero tanto debole da farsi inconsistente.

E poi ritmi e rumori esagerati, irrinunciabili momenti di violenza, anche in film con temi delicati, come Up, che riesce ad avere uno sguardo così raro sull’amore in vecchiaia e poi si perde in un’esplosione di latrati lancinanti e cagnareassordanti in un Sudamerica chissà perché rappresentato come una no man’s land mezza lunare mezza infernale. In sala ci sono sempre 4-5 bambini che piangono e vogliono andare via.

Va a finire che, quando vedo un film che dovrebbe essere per bambini, esco dal cinema nervosa e amareggiata. Triste sia se le mie figlie non si sono divertite (triste per quello) sia se invece lo hanno fatto (triste per il timore che si stiano assuefacendo
a un mondo che non mi piace).

Linda, in questa lettera, torna a lanciare un allarme per questa infanzia rasa al suolo, immolata sull’altare del profitto a tutti i costi: parla di bambine assorbite in quel “contesto prostituzionale” che tanta pubblicità contribuisce a far rimbombare e a diffondere, grottescamente incastrate in vestiti e atteggiamenti indotti, che preludono al tipo di donna più in voga, la donna-articolo in vendita, la donna-prodotto a disposizione sul mercato, la donna reificata.

DALLE DONNE AI BAMBINI

Mentre il corpo maschile è a rischio, la mercificazione di quello della donna ha raggiunto livelli ormai inaccettabili ed è sotto gli occhi inconsapevoli o ciechi o disinteressati o impotenti, di tutti noi. Siamo talmente drogati e assuefatti allo sfruttamento dell’immagine femminile da non accorgerci di non fare troppa distinzione tra la parola sesso e la parola donna.

Nel mio piccolo, provo quotidianamente ad oppormi a tale visione (mi scontro ogni giorno sul lavoro con uomini, tutti uomini, principi e re di un mondo di battute, strizzatine d’occhio, furberie e racconti improbabili) ma mi rendo conto di essere anche io all’interno di un meccanismo più grande di me, che fonda le sue radici troppo lontano per non aver influenzato anche il mio modo di pensare e di agire. Fino ad ora sono stati gli uomini a dirigere, ad essere presenti in tutti i settori lavorativi, economici e artistici. È stato l’uomo a dettare, nell’arte, nella comunicazione, negli stili di vita, la visione del mondo e dunque anche della donna.

Ma oggi, ho paura, che stia accadendo qualcosa di ancora (se possibile) più grave. Qualcosa contro cui tutti, uomini e donne, dovremmo, a mio parere, scandalizzarci e opporci, prima che sia troppo tardi.

Le donne oggi subiscono e putroppo a volte, inconsapevolmente accettano, la costrizione di vedersi ritratte nelle pubblicità di moda in mezzo a cetrioli, indotte a compiacersi del ruolo di bambole di plastica senza altra funzione che fottere ed essere fottute, e ad immedesimarsi in canoni estetici che portano ad una devastazione psicologica tale per cui dopo aver sfogliato una rivista di moda il 70% delle lettrici si sente depressa e in colpa. Se tutto questo le donne subiscono, io vorrei fare in modo che altrettanto non accada ai bambini.

Sfogliando le riviste femminili e di moda, guardando i manifesti pubblicitari o le vetrine dei negozi o le fermate degli autobus, mi sono accorta di come siano in costante aumento le pubblicità di abbigliamento infantile, laddove “infantile” è un termine del tutto inappropriato. Bimbe dalle gote porpora e dalle labbra rosse private del sorriso, fissano l’obbiettivo. Qualcuno potrebbe vederle come piccole (molto piccole) Lolite. Niente hanno dell’infanzia se non l’età, ridicolizzate come scimmiette travestite, adultizzate, erotizzate. Oscene.

Immagini di bambini adulti, che parlano agli adulti e affascinano i bambini.

Non sono madre, non so cosa provino i genitori nel vedere tali immagini ma in me provocano profondo sdegno verso la nostra società. E paura. Paura nel pensare a chi tira i nostri fili, in quali mani siamo per sottostare a tutto ciò senza aprire bocca o peggio senza accorgercene o ancora, per ritenere le mie opinioni esagerate. E paura per i futuri adulti.

Cosa succederà ad individui privati dell’infanzia?

A bambini portati ad imitare e ad immedesimarsi in modelli troppo adulti?

Se lo stesso meccanismo di sessualizzazione dell’immagine porta problemi e confusione nell’adulto, cosa può accadere in un bambino portato troppo presto a spostare l’attenzione sul proprio corpo e sulla propria immagine?

A vedere il proprio corpo come arma seduttiva, merce di scambio, punto d’arrivo?

Ma soprattutto, non porta questo modello “infantile”, ad una normalizzazione di brame voyeristiche e pedofile?

In virtù delle nostre visioni edonistiche e utilitaristiche stiamo a mio avviso, andando oltre ogni limite, superando il livello del permesso.

In una società dove aumentano i diritti delle persone, vanno paradossalmente crescendo le violenze e gli abusi dell’individuo, della sua immagine, della sua sensibilità.

Linda (una 28enne)

(da “D-Repubblica”, n°716, 23/10/10)

10

Orfane dell'infanzia: inventarsi donne adulte

Leggere la testimonianza che pubblico oggi mi ha molto toccata. Si tratta di poche righe ma io le vedo come un piccolo crocevia molto importante, sia per Roberta che le ha scritte sia per molti che leggeranno e forse ci potranno trovare qualche frammento di sé. È il racconto di un’infanzia infelice e spaventata, di una persona che ha trovato il suo equilibrio anche tirando  fuori questo groppo doloroso, dandogli una forma verbale compiuta. È anche il racconto di una serie di relazioni, ricche e complicate (soprattutto a causa di questo passato di sofferenza), davanti a cui l’autrice si fa delle domande: quella con il compagno attuale e quella con le sorelle che hanno condiviso con lei quel trauma di cui ora è così difficile parlare. Read the rest of this entry »