In particular, Payday Loans Texas can cater to the needs of its residents.
Canadian Cialis

Media Archive

0

Postfemminismo? La cultura e la politica di genere nell’era Berlusconi

 

Ecco il programma del convegno che si terrà il prossimo fine settimana a Bologna, in cui interverrà anche Valèrie Donati del collettivo Le Vocianti

Per approfondire questo il link dell’evento >>>

—  segue il programma —

Giovedì 7 giugno – SSSUB, Via Marsala 26

 

Benvenuto e apertura congresso

9.15

 

Session 1

9.30 – 10.45

MASCULINITIES – MASCOLINITA’

Chair: Danielle Hipkins, University of Exeter

Catherine O’RaweUniversity of Bristol

“L’uomo perfetto? Masculinity, Star Studies and Postfeminism in Italian Cinema”

Jessica Bombasaro-BradyLondon School of Economics

“Framing Race and Masculinities: African Migrant Protests and Political Responses in Italy”

Rebecca BaumanColumbia University

“Manhood in the Time of Crisis: Masculinity in Contemporary Italian Film”

Session 2

10.45 – 12.00

POSTFEMINIST FEMALE MEDIA IDENTITIES –

IDENTITÀ MEDIATICHE E POSTFEMMINISMO

                 Chair: Catherine O’Rawe, University of Bristol

Ella FegitzGoldsmiths College, University of London

“Foxy-Knoxy: a postfeminist killer (or candid innocent?)”

Ellen NerenbergWesleyan University

“Cattive mamme/figlie: delinquenza femminile e circo mediatico-giudiziario a inizio millennio”

Ilaria MasengaUniversity of Exeter

“Reclaiming the White Wedding: Postfeminism and Tradition in the Online Negotiation of Marriage”

…..

Light lunch

12.00 – 1.00

….

Round  Table: Gendered Identities in Advertising – Identità di genere nella comunicazione pubblicitaria

1.00 – 2.00 pm

Chair: Anna Lisa Tota, Università di Roma III

with Giulia CerianiPresidentBABAMara CinquepalmiBloggerGiovanna CosenzaUniversità di BolognaMichele GiarratanoLawyer, Antidiscriminatory Policies of Cassero; Massimo Guastini,President, Art Directors Club Italiano (ADCI); Vincenzo GugginoInstitute of Self-Discipline in Advertising(IAP); Giorgia VezzoliBlogger

 …..

Screening 

2.00 – 2.25 pm

Il corpo delle donne by Lorella Zanardo, Marco Malfi Chindemi e Cesare Cantù

Post- screening discussion

2.30 – 3.15 pm

IL CORPO DELLE DONNE E I GIOVANI MILLENNIALS: PROGRAMMI DI EDUCAZIONE AI MEDIA NELLE SCUOLE PER UNA CITTADINANZA ATTIVA

with Lorella ZanardoAuthor, Media Expert, and Activist

RespondentNicoletta Marini-MaioDickinson College

ModeratorPatrizia VioliUniversità di Bologna

Session 3

3.30 – 5.15 pm

ITALIAN FEMINIST DISCOURSES – DISCORSI DI FEMMINISMO ITALIANO

Chair: Paola Bonifazio, University of Texas at Austin

Paola Di CoriUniversità di Urbino

“«Houston: abbiamo un problema». Sul buon uso della memoria femminista”

Alessandra MontalbanoNew York University

“Post-femminismo italiano: un Femminismo Plurale”

Ida DominijanniJournalisteditorialist of Il Manifesto

“Un caso di bio-politica postpatriarcale”

Juliet GuzzettaUniversity of Michigan

“The Theatricality of Italian Feminism in the Third Wave”

….

Coffee Break

5.15 – 5.30 pm ….

Session 4

5.30 – 6.45 pm

POSTFEMINIST COMMODIFICATIONS – MERCIFICAZIONI POSTFEMMINISTE

Chair: Áine O’Healy, Loyola Marymount University

Danielle HipkinsUniversity of Exeter

Nessuno mi può giudicare? Prostitution, postfeminism and popular cinema”

Alan O’LearyUniversity of Leeds

“Men and Women in the cinepanettone, with Clothes On and Without”

Nicoletta Marini-MaioDickinson College

Nuda, calda, coscialunga: Cinematic Representations of Gender from Liberating Icons to Postfeminist Masquerades”

….

Venerdì 8 giugno – SSSUB, Via Marsala 26

 

Session 1

9.00 – 10.00

DISCURSIVE  CONSTRUCTIONS – COSTRUZIONI DISCORSIVE

Chair: Charlotte Ross, University of Birmingham

 Denise FilmerDurham University

“Berlusconi’s (other) women: Representations of Berlusconi’s Sexist Language in the British Press”

Gerardina AntelmiAdam Mickiewicz University

“The Language of Italian Press and the Female Identity in the Last Period of Berlusconi’s Government”

Coffee Break

10.00 – 10.15

Session 2

10.15 – 12.00

BEYOND BERLUSCONI – OLTRE BERLUSCONI

Chair: Ellen Nerenberg, Wesleyan University

Giovanna CosenzaUniversità di Bologna

“Il neo-femminismo italiano alla prova dopo Berlusconi”

Krizia NardiniUniversity of Utrecht

“Il cavaliere che resta in noi: Critical Perspectives on Italian Masculinity within the Theories and Practices of the Contemporary Men’s Network Maschile Plurale

Elisabetta ConventoBoston University, Padova

“From Due Partite to Di Nuovo: Cristina Comencini’s feeble Postfeminist footprint”

…….

Light lunch

12.00 – 1.00 pm

 ….

Screening

1.00 – 2.00 pm

Diversamente Etero by Elena Tebano, Marica Lizzardo, Milena Cannavacciuolo, Chiara Tarfano

Post screening discussion

2.00 – 3.00 pm

with Elena TebanoAuthor and jornalist & Milena CannavacciuoloAuthor and producerIvan Cotroneo,TV Author and Film director, writer and editor (podcast); Nicoletta Landi & Gessica Iannone, Circolo Arcigay Il Cassero, Progetto Scuola; Valerie DonatiPresident, Donne Pensanti

Respondents: Yuri Guaiana, Scholar and activist and Sergio Lo Giudice, Honorary president of Arcigay Italy, president of PD Group, city of Bologna

ModeratorEllen NerenbergWesleyan University

Session 3

3.15 – 4.30 pm

DISCOURSES OF HOMOSEXUALITY IN CONTEMPORARY ITALY – DISCORSI SULL’OMOSESSUALITA NELL’ITALIA CONTEMPORANEA

Chair: Keala Jewell, Dartmouth College

Yuri GuaianaScholar and activist

“Omofobia istituzionale”

Charlotte RossUniversity of Birmingham

“«I’m not a lesbo-feminist but…»: lesbian-feminist politics in contemporary Italian culture”

Dario AccollaUniversità di Catania

“Il linguaggio della politica e la questione omosessuale in Italia”

….

Coffee Break

4.30 – 4.45 pm

Session 4

4.45 – 6.30 pm

POSTCOLONIALISM – POSTCOLONIALISMO

Chair: Ombretta Frau, Mount Holyoke College

Valerie McGuireNew York University

“A Harem for the Pasha”

Caterina RomeoUniversità La Sapienza

“Postcolonial Feminist Representations and the Collapse of (Feminist) Grand Narratives in Contemporary Italy”

Cosetta GaudenziUniversity of Memphis

“Postfeminism and Postcolonialism in Contemporary Italian Cinema: The Case of the Escort in Massimiliano Bruno’s Nessuno mi può giudicare

Aine O’HealyLoyola Marymount University

“Gender, Labor, Affect: Representing Women’s Work in a Transnational Frame”

Discipline della Comunicazione, Via Azzo Gardino 23

 Evening reception – Light dinner will be served

7.00 – 8.00 pm

 

Screening, AULA B

8.15 pm

Cosmonauta by Susanna Nicchiarelli

Post-screening discussion

9.45 pm

with Susanna NicchiarelliFilm Director and scholarRita Finzi, Vice President, Lega Coop Bologna, President, Comittee of Equal Opportunity, Bologna; Laura Taccini, Università di Bologna, Student; Alice Zecchinelli, Università di Bologna, Student

ModeratorPaola BonifazioUniversity of Texas at Austin

…..

Sabato 9 giugno – Ex convento di Santa Cristina, Piazzetta Giorgio Morandi 2

 

Session 1

9.00 – 10.15

MEDIA, SEX, POWER – MEDIA, SESSO, POTERE

Chair: Anna Maria Tagliavini, Biblioteca Italiana delle Donne, Bologna

Bianca TerraccianoUniversità La Sapienza

“Bodies and clothes genres: una mappa delle configurazioni discorsive di genere”

Francesca Anania, Università degli Studi della Tuscia, Viterbo

“Mass Media, Gender and Television”

Olivia GuaraldoUniversità di Verona

“Insignificante padrone: media, sesso e potere nell’Italia contemporanea”

Session 2

10.15 – 11.30

WOMEN AND PERFORMANCE – DONNE E PERFORMANCE

Chair: Nicoletta Marini-Maio, Dickinson College

Sciltian GastaldiUniversity of Toronto

“Quasi una voce nel deserto: la performance culturale di Luciana Littizzetto”

Giuditta Bassano e Silvia VitiUniversità di Bologna

“Da Lorena Bianchetti a Simona Ventura: chi ci guiderà nel buio dei nostri valori”

Coffee Break

11.30 – 10.45

 

Round Table: Postfeminism in Italy? – Un post femminismo italiano?

11.45 – 1.00 pm

With Dacia MarainiWriter and activistAngela McRobbieGoldsmiths College, University of London(podcast)Antonella OlsonUniversity of Texas at Austin;

ModeratorsPaola Bonifazio, University of Texas at AustinNicoletta Marini-MaioDickinson CollegeEllen NerenbergWesleyan University

All speakers and symposium attendees welcome

Light lunch and closing remarks

1.00 pm

4

Quello che non ho: la parola delle donne!

Quello che non (ho) il programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano sul valore educativo della parola taglia la parola delle donne.

Nel programma migrato dalla Rai su La 7, ieri sera sono interventuti Pierfrancesco Favino, Gad Lerner, Marco Travaglio, Pupi Avati, Paolo Rossi, Erri de Luca, Raphael Gualazzi….. un androceo, uno spazio di uomini fatte salve la partecipazioni di Liliam Azam Zanganeh e il ruolo del tutto marginale di Luciana Littizzetto ed Elisa, ospiti fisse ma con funzione di cornici o stacchetto.

Antichi e moderni androcei e lo spazio alle donne resta interdetto o ristretto quando va bene.

Noi italiane siamo abituate o dovrei dire educate ad essere figure marginali quando si tratta di assumere la parola, anche da quella agorà che è la televisione, luogo virtuale di rappresentazione della società , proiezione di modelli di relazione; la parola che educa, che fa riflettere, e che dona visioni sul mondo.

A Quello che (non) ho ieri sera, sono entrati in scena gli uomini, uno dopo l’altro a parlare di relazione con i figli, di guerra, di ingiustizie, di società, di morte e vita, di diritti, di lavoro, di Costituzione e libertà. Hanno parlato di mondo e della loro relazione col mondo. Hanno parlato anche di donne, hanno parlato per le donne. Ma le donne erano in minoranza imbarazzante.

Ancora una volta.

Alle donne tuttalpiù quando è concesso spazio di parola , come è accaduto anche ieri sera, è per parlare di sentimenti, di relazioni di amore o dei loro corpi.

Che la donna parli ma che sia per amore. Amore per l’uomo tutta più per i figli. Che parli d’amore e accolga, perché le parole d’amore di una donna sono anche un magnifico specchio donato al narcisismo maschile che in quelle parole d’ amore può sentirsi accolto e rimirarsi. E se poi una donna parla è per dire del suo corpo o dei corpi degli altri, in chiave comica o drammatica, ma resta lì nella prigione della parola corpo dove è stata confinata per millenni. Ed è in quello spazio che ci mettiamo anche da sole. Luciana Littizzetto per commentare la parola donna non è riuscita a fare a meno di far volare mutande, con quel salto finale grossolano a parlar di femminicidi, sbagliandone anche i numeri.

E così sia: nella agorà televisiva paesana, anche in quella di Quello che (non) ho , il mondo della donna è il suo corpo e tuttalpiù è su quello che può prendere parola. Non sul mondo.

Stasera ci sarà di nuovo la passerella di uomini che paiono essere così principi e artefici del ruolo educativo della parola. Stasera ci sarà nuovamente l’androceo, come se la parola sul mondo e la visione sul mondo debba sempre essere rappresentata come unicamente maschile.

Paese di maschi ammalati di narcisismo l’Italia, di narcisismo patologico maschile e di Eco in mutande.

Paese di disoccupazione femminile, dimissioni in bianco, Paese di festa di ‘mammà’ con maternità negate o che si vuole imporre al grido di ‘donne assassine’ con il sindaco in fascia tricolore che sfila accanto agli insulti alle donne sue elettrici, Paese di donne assenti nei luoghi della politica, Paese di tette e culi e fiche esposte in televisione o nei cartelloni pubblicitari, Paese di commesse con la spilla addosso dove c’è scritto ‘Averla è facile’, Paese in classifica nel Gender Gap dopo i Paesi del terzo mondo, Paese di femminicidi e di parola negata alle donne.

A Roberto Saviano chiederei: ma a che serve firmare appelli contro i femminicidi se poi non si lascia spazio alla parola e al pensiero delle donne?

E’ anche per questo che vengono ammazzate, non per loro corpi come si crede, ma perché è insopportabile la loro parola e il loro pensiero.

2

Massimo Fini: un desolato analfabeta nell’anima

Infine, anche se il campo è minatissimo perché  attiene proprio alla libertà individuale, troppo spesso le ragazze di oggi i comportano da ‘vispe terese’. Citerò, per tutti, il caso, di qualche anno fa, di tre donzelle che, sulle montagne di Abruzzo, passarono tutte sculettanti davanti a un pastore di pecore macedone che, non sapendo né leggere né scrivere, ma riconoscendo solo i propri istinti, le inchiappettò. Girare al largo dei ‘pastori macedoni’, pieni di alcol e coca, con i freni inibitori abbassati come le loro brache, che circolano nelle zone d’ombra intorno alle discoteche, non è pruderie moralistica, ma elementare prudenza”. (dal blog di Massimo Fini, L’ossessione per la donna)

Con queste parole, Massimo Fini, suscitando indignazioni da parte di lettrici e lettori, ha concluso un articolo scritto sul suo blog sabato scorso,   riferendosi ad una puntata di Agorà a cui aveva partecipato sul tema della violenza alle donne.

Ieri se ne è scusato in  un articolo  sul blog del Fatto quotidiano intitolato Chiedo scusa ai lettori: non sapeva che due delle tre donne aggredite erano state uccise.  Se fossero rimaste in vita potevano essere dileggiate allegramente? Ricordo che nell’ articolo Stupratori di tutto il mondo, unitevi!  scritto l’estate scorsa dopo l’arresto di Strauss Khan aveva dissertato sulla differente gravità tra  una rapina ed un rapporto orale imposto. (Insomma il denaro sarà pure sterco del demonio ma vale più dell’integrità del corpo e della mente di una donna).

Eppure le parole scritte da Massimo Fini sabato scorso, sono state talmente goffe e brutali da credere difficilmente che siano state scritte in malafede:  vispe terese sculettanti e le inchiappettò ,  conati volgari e goliardici per descrivere le vittime e la  violenza di uno stupro.  Un vocabolario in cui è del tutto assente la capacità di dire e raccontare la violenza maschile sulle donne non solo con le parole adatte ma con le emozioni ed i sentimenti adatti. Un desolante analfabetismo nell’anima.

La chiusura di quell’articolo  non solo dimostra una totale assenza di percezione  emotiva che con lo stupro e il  femicidio ci sia una donna straziata dal dolore e dalla morte, una donna destinata tuttalpiù a sopravvivere dopo la violenza. Una donna che lascia  con la sua morte fisica o psicologica un vuoto di affetti e di relazioni.

Ma rivela anche  una profusione disarmante di luoghi comuni e pregiudizi sullo stupro e sulla violenza alle donne. Lo stupro (e quante volte lo dovremo ripetere, quante? ) nasce  dalla volontà di annichilimento  e umiliazione delle vittime e sono gli stessi stupratori a raccontarlo: ininfluente l’aspetto fisico o l’età della vittima, ininfluente la circostanza, solo la necessità di identificare una vittima da colpire con rabbia e distruttività. Il corpo della vittima è solo un mezzo e il sesso maschile è l’arma usata per colpire.

Eppure siamo ancora qui a dover leggere stancamente, opinioni logore ed errate che raccomandano prudenza alle donne che si avventurano in strade buie o davanti alle discoteche, dove ad attenderle  c’è il “mostro” in agguato, quando si sa che statisticamente le donne sono vittime di violenza e aggressioni sessuali soprattutto tra le mura domestiche e lo stupratore possiede le chiavi di casa. E si sa che anche gli stupri da parte di sconosciuti colpiscono donne di tutte le età e a qualunque ora del giorno.

Resta la magra consolazione delle scuse, rivolte però solo ai lettori; le lettrici sono rimaste  innominate e rimosse nell’universo di Massimo Fini: se imparasse a declinare il femminile in tutte le sue forme psicologiche e grammaticali forse la sua anima imparerebbe a parlare non solo delle donne ma anche e soprattutto alle donne.

0

Gabbie di sguardi: gli stereotipi di genere nella comunicazione – atti del convegno 6

Ico Gasparri, Artista sociale, fotografo dal 1977.

Gasparri dal 1990 al 2010 ha sviluppato Chi è il maestro del lupo cattivo?, una ricerca artistica militante dedicata alle radici culturali della violenza sulla donna nelle pubblicità stradali. Realizzando così il più grande archivio esistente sullo sguardo alla città e alla sua cartellonistica sessista composto da circa 3.500 scatti.
Ma l’impegno sociale di Ico Gasparri non tocca solo la rappresentazione delle donne nella cartellonistica stradale, ma anche temi come l’interpretazione artistica dei rifiuti differenziati; Ia perdita dello spazio del gioco per i bambini in guerra e nelle migrazioni; le tracce dei migranti abbandonate sui relitti delle barche migranti che li trasportavano.
A luglio 2010 ha vinto il premio come miglior artista italiano occupatosi dei problemi dei diritti delle donne e delle discriminazioni di genere con il suo lavoro Chi è il maestro del lupo cattivo? Il premio è stato decretato dalla commissione Pari e Dispare e consegnato dalla vice presidente del Senato, Emma Bonino.
Ico Gasparri ha per prima cosa spiegato cosa significhi per lui essere un artista militante: il fatto che il compito dell’artista è quello di saper vedere i cambiamenti e le tendenze prima che esse siano manifeste, e in questo si può dire che Ico Gasparri ha ben saputo vedere ciò che più tardi sarebbe diventato chiaro agli occhi di tutti, iniziando a collezionare le immagini della cartellonistica stradale per le stradedi Milano. La militanza allora dice Ico Gasparri diventa una forma di resistenza per non lasciarsi ammansire nel silenzio che significa l’adesione al pensiero dominante. Il motivo che ha portato l’artista a scegliere di collezionare e catalogare le immagini della cartellonistica stradale piuttosto che altre immagini presenti in pubblicità è legato alla imperiosità di queste immagini che essendo poste in strada diventano oggetto di sguardi al quale le persone non possono sottrarsi. Se è vero infatti che tutte le altre forme di comunicazione possono essere accolte o rifiutate, la cartellonistica stradale è l’unico mezzo pubblicitario al quale non ci si può sottrarre. Parlando dell’evoluzione dei mezzi di comunicazione e delle tendenze alla rappresentazione sempre più stereotipata della donna come dell’uomo, Ico sottolinea come i mezzi di comunicazione si affinino sempre più, ma che questo processo non è altro che lo specchio della società in cui viviamo. La responsabilità di ciò che accade in comunicazione non è da attribuire ai pubblicitari ma è lo specchio di ciò che noi siamo come soggetti e come collettività, la pubblicità infatti cambia come cambia la società. Ecco perché la militanza diventa per Ico Gasparri l’unica vera azione possibile contro l’indifferenza e per non demandare più ad altri quella che invece è una responsabilità tanto individuale quanto collettiva.

0

Gabbie di sguardi: gli stereotipi di genere nella comunicazione – atti del convegno 5


Frequenze di Genere è una trasmissione radiofonica, in onda su Radio Città Fujiko tutti i venerdì dalle 13.30 alle 14. Le puntate monografiche affrontano  diversi temi utilizzando un’ottica di genere, applicando cioè una chiave di lettura che analizza gli effetti che la cultura e le dinamiche interne alla società hanno sulle vite di donne e di uomini.
Frequenze di Genere è uno stimolo alla riflessione sullo status quo e sulle possibilità di cambiamento, mediante la segnalazione di buone pratiche nostrane e il confronto con politiche e iniziative adottate da altri Stati.
Frequenze di Genere è uno spazio di confronto aperto a tutti, in cui ascoltatrici e ascoltatori possono interagire suggerendo argomenti e partecipando attivamente alle rubriche.
Le relatrici di Frequenze di genere hanno per prima cosa spiegato la genesi del loro progetto e la struttura della trasmissione che conducono. Una particolarità della trasmissione radiofonica è quella di proporre dei dossier dove emergano delle figure femminili che solitamente non trovano spazio di rappresentazione: donne viaggiatrici, donne in politica, artiste, scienziate. L’intento è quello di contribuire a diffondere una nuova storia politica e cultura riscritta al femminile.
Oltre ai diversi temi che vengono di volta in volta affrontati in puntata le conduttrici sono solite porre una domanda al pubblico e la domanda che spesso suscita maggiori reazioni è: e se ti dico femminismo…? Il femminismo sembra aver assunto una valenza negativa e spesso viene associato, appunto in modo stereotipato, ad un’immagine di donna rabbiosa e arrabbiata che identifica nell’uomo un nemico da combattere.
Le relatrici hanno dimostrato cosa può essere un femminismo oggi: consapevole delle lotte storiche, delle vittorie e dei fallimenti, ma anche un femminismo aperto a tutto tondo sul presente delle lotte, ogni settimana infatti accolgono soggetti e propongono temi senza dogmatismi e teorie a priori di cosa sia una lotta al femminile, aperte al presente nella convinzione che sia necessario proporre nuove e future forme di rappresentazione del femminile.

0

Genere ed Educazione: tutte le puntate del ciclo disponibili sul web

Carissim*,

abbiamo concluso venerdì 10 febbraio il ciclo di puntate dedicato al genere e all’educazione, con un’intervista a Loredana Lipperini che ha toccato temi fondamentali quali la rigenderizzazione, l’attivismo sul web, l’educazione sessuale, l’enorme problema degli obiettori di coscienza e la figura della madre sacrificale, tanto invocata  in questo particolare momento di crisi economica.
Qui potrete torvare tutte e cinque le puntate del ciclo, composto da:

-puntata I: Genere e stereotipi nell’educazione dagli 0 ai 6 anni

-puntata II: Genere e stereotipi nell’educazione nell’età della scuola primaria

-puntata III: Genere e stereotipi nella fase dell’adolescenza

-puntata IV: Storia della conquista dell’edcuazione da parte delle donne

- puntata V: Da “Dalla parte delle bambine” a “Ancora dalla parte delle bambine”

Aspettiamo di consocere tutte le vostre riflessioni in merito! Scriveteci qui, oppure venite a trovarci sul nostro blog o mandateci una mail a frequenzedigenere@gmail.com.

Buon ascolto!

La redazione

0

Gabbie di sguardi: gli stereotipi di genere nella comunicazione – atti del convegno 4

Gabbie di sguardi: gli stereotipi di genere nella comunicazione

Intervento di Stefania Prestopino


 

 

Il terzo intervento è quello di Stefania Prestopino del collettivo Le Vocianti, che per l’Associazione Hamelin ha pubblicato un articolo che indaga sull’immaginario proposto alle giovani e ai giovani dalla cultura di massa.
Stefania ha introdotto il suo intervento ricordando quanto emerge dai dati comunicati dai centri antiviolenza: il fenomeno della violenza di genere è in costante aumento, e questo incremento si registra in particolare fra le giovani generazioni, ed è da attribuire all’influenza degli stereotipi che letteralmente invadono l’immaginario infantile e adolescenziale.
Lo stretto rapporto fra rappresentazione mediatica e violenza è una dinamica profonda e radicata che sta alla base della disparità fra uomo e donna, e che viene denunciata da chi affronta tutti i giorni in prima linea le conseguenze drammatiche della disparità fra i sessi.
E’ una chiave interpretativa della realtà che deve essere però portata alla consapevolezza di tutti, non solo degli “addetti ai lavori”.
Non è giusto in questo senso parlare di questione femminile: la degenerazione del rapporto fra i sessi, e i numeri lo testimoniano, è un problema di portata antropologica, un problema di relazione. Parlare di questione femminile è fuorviante.
Qual’è la posizione di bambine e bambini all’interno di queste relazioni? Se sono da un lato i testimoni più vulnerabili di queste dinamiche (quando non sono coinvolti in prima persona), dall’altro è proprio l’infanzia la possibile chiave di volta per il cambiamento, il territorio fertile su cui agire un’educativa basata sul rispetto di ogni unicità, di ogni individualità.
Ma è questa la prospettiva che effettivamente viene offerta alle generazioni in crescita?
Qual è il panorama culturale in cui i nostri bambini e le nostre bambine crescono, assorbendo i modelli di relazione fra i sessi? Sono davvero liberi di maturare la loro individualità a prescindere dai ruoli tradizionali di maschile e femminile?
Stefania ha analizzato in un primo tempo l’offerta di giocattoli e di attività che oggi vengono proposte alle bambine e ai bambini, facendo emergere una nettissima separazione fra giocattoli e attività rivolte alle une e agli altri. Se visivamente è chiaro a tutti che il reparto rosa e fucsia è la terra delle principesse e che quello dell’azzurro e del blu è il dominio dei cavalieri, è meno chiaro ad un primo sguardo, che alle bambine vengono proposte attività che hanno a che fare con la cura di sé e dell’altro (trucchi, specchiere, coroncine, bambolotti) e giocattoli che sembrano voler rinchiudere le bambine nelle mura domestiche in attività di cura della casa (aspirapolveri, cucine, scope e ferri da stiro), con una precoce ossessiva attenzione all’estetica e alla seduttività. Mentre ai bambini vengono proposte attività di scoperta, di avventura, attività tese a sviluppare le loro capacità fisiche e le loro doti psichiche, che li portano fuori dalle mura domestiche. Ancora una volta quindi per le bambine le porte si chiudono su un immaginario sempre più angusto e asfissiante, superficiale ed edonista, mentre appare che per i bambini la spinta sia verso l’esterno, l’avventura, la costruzione di una personalità curiosa e performante. Stefania Prestopino correda la sua indagine di veri e propri collages nei quali appare il sovraffollamento di oggetti per piccole donnine di casa e per piccole principesse.
Gli stessi modelli ritornano in altri prodotti destinati a bambini e adolescenti: dai diari scolastici alle fiction televisive, le riviste, l’abbigliamento.
Un altro settore di analisi sul quale punta la sua ricerca è infatti quello della moda junior, spiegandoci come ogni brand che si rispetti abbia una linea baby o junior e di come la tendenza sia ormai quella di adultizzare ed erotizzare le bambine, fino alla cancellazione completa della rappresentazione dell’infanzia per sfociare in un corollario raccapricciante in cui miniature volgari e grottesche di baby modelle ammiccano grottesche dalle pagine dei giornali di moda. Anche in questo caso le foto e i collages raccolti dall’autrice illustrano ampiamente il fenomeno e la tendenza.

0

Frequenze di Genere – IV puntata su “Genere ed Educazione”

 

Vi aspettiamo venerdì 3 febbraio con la 4° puntata del ciclo “Genere ed Educazione”.
Nelle scorse puntate, grazie alla collaborazione del Csge, vi abbiamo raccontato in che modo, quando ci relazioniamo con  bebè, bambini e bambine e adolescenti , il genere influenzi profondamente il modo in cui ci rapportiamo a loro e questo fa si che, senza esserne consapevoli, impartiamo un’educazione differente a seconda del sesso.

Nella puntata di questo venerdì Mirella D’Ascenzo ci racconterà com’ è avvenuta la conquista dell’educazione da parte delle donne, con un excursus storico che arriverà fino ai giorni nostri, in cui l’elevatissima percentuale di donne insegnati all’interno della scuola non ha significato garanzia di educazione paritaria,  libera dagli stereotipi di genere che condizionano la vita di ognuna di noi e le nostra possibilità di realizzazione.

Ci accompagneranno le sonorità arpeggianti e la voce squillante di Joanna Newsom.

L’appuntamento è come sempre dalle 13.30 alle 14 sulle frequenze di Radio Città Fujiko 103.1 FM, oppure  on line su www.radiocittafujiko.it

Vi invitiamo a farci conoscere le vostre impressioni su questo ciclo di puntate, a condividere con noi riflessioni, esperienze e buone pratiche: scriveteci all’indirizzo frequenzedigenere@gmail.com.

Buon ascolto!

La redazione

1

Donne e Media: Appello al Direttore Generale della RAI, Lorenza Lei

Il Collettivo Le Vocianti, Associazione Donne Pensanti insieme a tantissime associazioni che lottano quotidianamente per scalfire vecchi modelli, invita tutte/i  quante/i a partecipare all’azione mailbombing promossa da Un altro Genere di Comunicazione  e a firmare  l’appello lanciato dall’Associazione Pulitzer.

Questo il testo dell’appello

Gentile Direttrice generale della RAI Lorenza Lei,

Le scriviamo per il Suo ruolo istituzionale di Direttore generale dalla RAI ma, ancora prima e soprattutto, in qualità di Donna.

Il 25 gennaio 2012 al TG1 delle 20.00 è stato trasmesso un servizio giornalistico offensivo e umiliante nei confronti di tutte le donne italiane e dei cittadini che pagano il canone per ricevere un servizio pubblico. Stiamo parlando del servizio realizzato dal giornalista Vincenzo Mollica dal titolo “La donna dell’Ariston” nel quale Gianni Morandi e Rocco Papaleo presentano Ivana Mrazova, la valletta della prossima edizione del Festival di Sanremo. Nel vederlo – è inserito in calce alla presente – si renderà conto che si tratta non solo di un pessimo esempio di informazione televisiva, ma di un vero e proprio schiaffo alla dignità delle donne.
Come in un film che abbiamo già rivisto tante volte, e che siamo stanchi di vedere, la ragazza bella, giovane, straniera e inesperta, come una stupida bambolina viene rimbalzata tra i due uomini affermati, che le dicono che cosa deve fare e che cosa deve dire. Una bella marionetta senza testa che per muoversi e parlare ha bisogno di due abili burattinai che hanno tre volte la sua età.

Noi sottoscritti firmatari chiediamo, come “risarcimento di immagine”:

Che Lei prenda pubblicamente posizione contro questo umiliante servizio prodotto dalla sua azienda e che il TG1 delle 20.00 offra uno spazio adeguato ai giornalisti che lo hanno realizzato ed ai due conduttori per scusarsi pubblicamente con le donne italiane;
Che vengano immediatamente poste in essere tutte le iniziative necessarie perchè vengano rispettati standard giornalistici degni di un servizio pubblico, nel pieno rispetto dell’immagine e del ruolo della donna.
In mancanza, ferma la nostra azione presso tutti i media atta ad ottenere quanto sopra, annunciamo sin d’ora che ci attiveremo presso tutte le sedi competenti, inclusa la Commissione Parlamentare di Vigilanza Rai, al fine di ottenere una adeguata risposta

0

Gabbie di sguardi: gli stereotipi di genere nella comunicazione – atti del convegno 3

Gabbie di sguardi: gli stereotipi di genere nella comunicazione

Intervento di Barbara Servidori
Associazione Hamelin

Il secondo intervento è quello dell’associazione Hamelin, rappresentata da Barbara Servidori.
Hamelin  è l’associazione culturale che a Bologna si occupa di promozione culturale con una  vocazione pedagogica e si rivolge a bambini, adolescenti e adulti  utilizzando la letteratura, il fumetto, l’illustrazione e il cinema.
Hamelin elabora strategie di promozione della lettura per bambini e ragazzi, con un’attenzione particolare per l’età adolescenziale attraverso percorsi di lettura per classi elementari, medie e superiori, guide bibliografiche a tema, corsi di aggiornamento per bibliotecari, insegnanti di scuole medie e superiori.
L’universo del visivo, e soprattutto del fumetto e dell’illustrazione, è l’altro campo di azione privilegiata dell’Associazione che attraverso laboratori di fumetto per le scuole, incontri con ragazze e ragazzi, corsi di aggiornamento per insegnanti, mostre didattiche, esposizioni per promuovere giovani artisti, si propone di educare piccoli e grandi ad “un certo sguardo”.
Hamelin è anche responsabile del Festival internazionale del fumetto Bilbolbul, giunto alla sua quarta edizione.
In particolare, Barbara Servidori ha presentato l’ultimo numero della rivista “Questioni di genere” dell’Associazione Culturale Hamelin, che propone una serie di riflessioni e di proposte bibliografiche sul tema, nell’ambito dell’immaginario e della letteratura per ragazzi.
Nel suo intervento Barbara Servidori ha più volte sottolineato come dagli articoli pubblicati nell’ultimo numero della rivista, emerga come, nella produzione letteraria contemporanea per ragazzi, un’assoluta mancanza di modelli femminili complessi e diversificati, spiegando l’assenza di personaggi femminili avventurosi, coraggiosi, controcorrente che mettano in discussione il modello culturale imperante. Questo aspetto rappresenta una rottura con il recente passato in cui figure femminili variegate e articolate erano ancora presenti a lottare contro un appiattimento che oggi sembra ridurre i personaggi femminili narrati a soggetti livellati, la cui ossessione costante sembra essere solo l’attenzione all’abbigliamento, al gossip e all’omologazione, impedendo così di far emergere una qualsiasi forma di unicità nel personaggio rappresentato. Sembra, sottolinea Barbara Servidori, che sia il pubblico stesso a richiedere questo tipo di rappresentazione e che il mercato si adatti fornendo il prodotto richiesto. Si pone allora un interessante interrogativo, analizzato nell’articolo di Giordana Piccinini, su quale sia oggi lo statuto dell’autore che scrive storie per ragazze e ragazzi? L’autore deve andare nella direzione di ciò che il mercato gli richiede? La sua funzione è solo quella di rassicurare rafforzando i modelli imperanti del pubblico che lo legge?